Carmina Catulli, III, 101 (“Sulla tomba del fratello”)

Multas per gentes et multas per aequora vectus
advenio has miseras, frater, ad inferias,
ut te postremo donarem munere mortis
et mutam nequiquam alloquerer cinerem,
quandoquidem fortuna mihi tete abstulit ipsum,
heu miser indigne frater adempte mihi.
Nunc tamen interea haec, prisco quae more parentum
tradita sunt tristi munere ad inferias,
accipe fraterno multum manantia fletu,
atque in perpetuum, frater, ave atque vale.

Sospinto tra molti popoli e molti mari
vengo per questi tristi riti funebri, fratello,
per donarti quest’ultimo dono di morte
e parlare invano alla muta cenere,
poiché la sorte mi ha strappato te, proprio te,
ahimè, povero fratello indegnamente strappatomi.
Intanto adesso, nonostante tutto, accetta queste cose, che secondo l’antico uso degli antenati
ti sono state portate come triste dono per il funerale,
molto grondanti di pianto fraterno,
e per sempre, fratello, addio, addio.

Lascia un commento