Carme 82-83-84

di Catullo


82 – Quinti, si tibi vis oculos debere Catullum aut aliud si quid carius est oculis, eripere ei noli, multo quod carius illi est oculis seu quid carius est oculis.
83 – Lesbia mi praesente viro mala plurima dicit: haec illi fatuo maxima laetitia est. mule, nihil sentis? si nostri oblita taceret, sana esset: nunc quod gannit et obloquitur, non solum meminit, sed, quae multo acrior est res, irata est. hoc est, uritur et loquitur.
84 – Chommoda dicebat, si quando commoda velletdicere, et insidias Arrius hinsidias,et tum mirifice sperabat se esse locutum,cum quantum poterat dixerat hinsidias.credo, sic mater, sic liber avunculus eius.sic maternus avus dixerat atque avia.hoc misso in Syriam requierant omnibus auresaudibant eadem haec leniter et leviter, [omoteleuto]nec sibi postilla metuebant talia verba,cum subito affertur nuntius horribilis,Ionios fluctus, postquam illuc Arrius isset,iam non Ionios esse sed Hionios.

82 – Quinzio, se vuoi che Catullo ti debba gli occhi o altro se c’è qualcosa più caro degli occhi, non strappargli, quello che per lui è più caro degli occhi o quello che è più caro degli occhi.
83 – Lesbia di me, presente il marito, dice moltissimo male: questo per quello scemo è massima gioia. Mulo, senti nulla? Se dimentica di noi tacesse, sarebbe sana: ora poiché sbraita e insulta, non solo ricorda, ma, e la cosa è molto più grave, è adirata. Cioè, brucia e parla.
84 – “Homoda” diceva Arrio, se mai volesse dire”comoda” e Per “insidie” “hinsidie”,e davvero sperava d\’aver parlato magnificamente,quando aveva detto più che poteva “hinsidie”.Lo credo, così la madre, così suo zio materno libero.Così aveva parlato il nonno materno e la nonna.Inviato costui in Siria a tutti le orecchie riposaronosentivan queste stesse cose in modo liscio e lieve,né tali parole temevano per sé in seguito,quando all\’improvviso giunge una notizia terrificante,il mare Ionio, dopo che Arrio era andato là,non era più Ionio, ma “Ionio”.