“Un’arma singolare: il vino”

Summae audaciae vir, Cyrus, iam asiae dominus erat. Inde Scythis, populo vago, bellum indixit. Erat tunc Scytharum regina Tamsyris (Tamiri), femina strenua et belli perita. Cyrus copias suas in scytharum territorium duxit ibique castra posuit; sed postridie fugam simulavit et in castris magnam vini copiam, animorum oblectamentum, reliquit. Regina tunc misit adulescentulus, belli ignarus, cum copiis ad Cyri castra pervenit, Scythae, vini cupidi atque avidi, affatim biberunt neque adulescentulus hoc (ciò) prohibuit. Dum universi propter crapulam et vini intemperantiam placide cubant; Cyrus, callidus atque belli peritus vir, repente in castra venit Scythas ebrios oppressit et universos cum raginae filio interfecit.

Ciro, uomo di grande coraggio, era già padrone di tutta l’Asia. Da lì dichiarò guerra agli Sciti, una popolazione nomade. In quel tempo la regina degli Sciti era Tamiri, donna coraggiosa ed esperta di guerra. Ciro condusse le sue truppe nel territorio degli Sciti e lì dispose l’accampamento; ma il giorno dopo finse la fuga e lasciò nell’accampamento una grande quantità di vino, diletto degli animi. Allora la regina mandò un giovinetto, ignaro della guerra, che giunse con le truppe all’accampamento di Ciro, gli sciti, avidi e bramosi di vino, bevvero abbondantemente nè il giovinetto lo proibì; Ciro uomo astuto ed esperto di guerra, ritornò improvvisamente nell’accampamento vinse gli Sciti ubriachi e li uccise tutti quanti con il figlio della regina.

Una sbornia rovinosa

Cyrus, iam Asiae et universi Orientis dominus, Scythis bullum indixit. Erat tunc Scytharum regina Tamyris, femina strenua et belli parita. Cyrus copias suas in Scytharum territirium duxit ibique castra posuit; sed postridie fugam simulavit et in castris magnam vini copiam, animorum oblectamentum, reliquit.Regina tunc misit adulescentulum filium cum copiis adversus Cyrum. Postquam adulescentulus, belli ignarus, cum copiis ad Cyri castra pervenit, Scythae, vini cupidi atque avidi, affatim biberunt neque adulescentulus hoc prohibuit. Dum universi propter crapulam et vini intemperantiam placide cubant; Cyrus, callidus atque belli peritus vir, repente in castra venit, Scythas ebrios oppressit et universos cum reginae filio interfecit.

Ciro, già padrone dell’Asia e di tutto l’Oriente, proclamò guerra agli Sciti. Era allora regina degli Sciti, Tamiri, donna valorosa ed esperta di guerra. Ciro condusse le sue truppe in territorio degli Sciti e qui pose l’accampamento, ma il giorno dopo finse la fuga e lasciò una grande abbondanza di vino nell’accampamento, sollazzo degli animi. La regina allora mandò il giovane figlio con le truppe contro Ciro. Dopo che il giovane, ignaro della guerra, entrò nell’accampamento di Ciro con le truppe, gli Sciti, avidi e desiderosi di vino, bevvero a sazietà e il giovane non proibì questo. Mentre tutti per l’ubriachezza e intemperanza del vino si addormentano placidamente; Ciro uomo furbo e esperto di guerra, all’improvviso venne nell’accampamento, oppresse gli Sciti ubriachi e uccise tutti con il figlio della regina.