Mercurio e Vulcano

Cum multis aliis diis antiqui Graeci et Romani Mercurium et Vulcanum colebant. Mercurius deus viarum et mercaturae, divitiarum et furti erat. Multa erant officia Mercurii: in Olympo mensas deorum parabata et epulas ministrabat. Quia nuntius erat, portabat in terram dicta, mandata, iussa deûm. Magnā virgā umbras mortuorum ad Inferos adducebat Mercurius. Non solum amabat palaestras et ludos, sed etiam mercaturam et eloquentiam et iucundum sonum lyrae. Vulcanus faber erat, cum suis operaiis in officina Aetnae vivebat, ubi metalla tractabat, arma et scuta diis fabricabat.

Gli antichi Greci e Romani adoravano di pari passo con le altre divinità Mercurio e Vulcano. Mercurio era il dio delle vie e del commercio, della ricchezza e del furto. Molti erano i compiti di Mercurio: preparava nell’Olimpo le mense degli dèi ed organizzava il banchetto. Dato che era l’ambasciatore, portava sulla terra le parole, gli incarichi, gli ordini degli dèi. Mercurio con una grande verga trascinava agli inferi le ombre dei morti. Non amava solo le palestre ed i giochi, ma anche il commercio, l’eloquenza ed il piacevole suono della lira. Vulcano era un fabbro, viveva con i suoi operai nell’officina dell’Etna, dove lavorava i metalli, fabbricava gli scudi e le armi per le divinità.

Lascia un commento