“Romolo e Remo salvati da una lupa”

Proca, Albanorum rex, duos filios, Numitorem et Amulium habuit. Is de vita decessurus Numitori, qui maior erat, regnum reliquit; sed Amulius, fratre expulso, regnum occupavit; deinde, ut Numitorem subole privaret, Rheam Silviam, eius filiam, Vestae sacerdotem fecit. Sed deus Mars, amore virginis captus, cum ea se coniunxit et Rhea Romulum Remumque peperit. Tum Amulius Rheam in vincula coniecit, geminos in alveum imposuit et in Tiberim, qui tunc forte exundaverat, abiecit ut parvuli in flumine mortem invenirent. Sed aqua recedens eos in sicco reliquit. Tum ibi nemo habitabat, quia vastae solitudines erant. Lupa solum, quae ad flumen bibitura descendebat, puerorum vagitus audivit et accurrit; eos lingua lambuit et lactavit ne parvuli frigore fameque perirent.

Proca, re degli Albani, ebbe due figli, Numitore e Amulio. Egli sul punto di morire lasciò il regno a Numitore, che era il maggiore; ma Amulio, dopo aver cacciato il fratello, occupò il regno; in seguito, per privare Numitore di discendenti, fece diventare Rea Silvia, figlia di Numitore, sacerdotessa di Vesta. Ma il dio Marte, innamoratosi della vergine, si unì a lui (=ebbe rapporti sessuali con lui) e Rea partorì Romolo e Remo. Allora Amulio gettò in carcere Rea, collocò i gemelli in una cesta e li gettò nel Tevere, che allora per caso era straripato, affinché i piccolini trovassero la morte nel fiume. Ma l’acqua, ritirandosi, li lasciò sulla riva. Allora lì nessuno abitava, perché vi erano vasti luoghi deserti. Soltanto una lupa, che era scesa al fiume per bere, udì i vagiti dei bambini e accorse; li leccò con la lingua e li allattò affinché i piccolini non morissero di freddo e di fame.

2 thoughts on ““Romolo e Remo salvati da una lupa”

  1. Non c’è la continuazione, non so, come Romolo e Remo fondarono Roma, o

    come Romolo uccide Remo??

    Kiss kiss da Lisa the best!!!!!!!!

Comments are closed.