“Eco e narciso”

Echo olim incurrit Narcisso, iuveni admodum formoso sed natura difficili; iuvenis, amans solitudinem et hominum molestias vitare cupiens, solus in silvis remotis vivebat. Echo eum amare incepit. Sed Narcissus amorem adhuc ignorabat et cum nympham videbat, eam vitabat. Tunc infelix Echo in speluncam se adbidit ubi acri dolore tabuit: puellae miserae ossa in saxa se converterunt ac superfuit sola vox, quae adhuc viatoribus ultimas syllabas eorum postulatorum repetit. Sed dii Narcissum quoque puniverunt: fessus venationis labore, apud fontem hauriens in aquarum speculo imaginem suam vidit et eam valde amare incepit. Itaque eam captare temptans, in fontem cecidit et vitam amisit. Terra igitur gessit florem qui etiam nunc eius nomen habet.

Eco un giorno si imbatté in Narciso, un giovane molto bello ma dal carattere scontroso; il ragazzo, che amava la solitudine e desiderava evitare le molestie degli uomini, viveva da
solo in boschi lontani. Eco incominciò ad amarlo. Ma Narciso ignorava ancora l’amore e quando vedeva la ninfa la evitava. Allora l’infelice Eco si nascose in una grotta, dove languì di straziante dolore: le ossa della povera fanciulla si mutarono in pietre e sopravvisse la sola voce, che ancora oggi ripete ai viandanti le ultime sillabe delle loro domande. Ma gli dèi punirono anche Narciso: stanco per la fatica della caccia, mentre beveva ad una fonte, vide la sua immagine nello specchio dell’acqua e iniziò ad amarla intensamente. Così, tentando di afferrarla, cadde nella fonte e perse la vita. La terra allora generò un fiore che ha ancora il suo nome.